Savona è una città ricca di storia e cultura. Si trova tra la costa della Riviera di Ponente ed il litorale del Golfo dei Poeti ed è conosciuta anche come “La Perla della Costa”; questa città offre grandi opportunità di svago nei suoi musei, nei suoi giardini e nelle sue vie del centro storico.

Il porto di Savona è a due passi dal centro, per questo  non è necessario alcun autobus per giungere la città.

La Torretta medioevale


Appena sul porto, sorge la famosa ‘’Torretta’’ medioevale, simbolo di Savona, che in passato faceva parte della cinta muraria della città. Dopo la distruzione delle mura ad opera dei Genovesi nel 1527 la torre rimase isolata e nei secoli successivi subì una serie di rimaneggiamenti. In particolare il lato di ingresso, che un tempo doveva essere aperto e coperto da una volta a botte, fu murato e l’interno della torre fu diviso in vari piani. La torre, come la piazza dove sorge, è oggi dedicata a Leon Pancaldo, navigatore savonese che accompagnò Ferdinando Magellano durante la sua prima circumnavigazione intorno al mondo.

Proseguendo dritto vi ritroverete sulla via principale di Savona, via Paleocapa, sede di alcune attrazioni come la Chiesa di Sant’Andrea e, più avanti, la piazza Sisto IV con il suo municipio:
La Chiesa di Sant’Andrea nasce da una precedente chiesa del XII secolo dedicata a sant’Andrea che nel 1714 i gesuiti demolirono per costruire l’attuale edificio che dedicarono a sant’Ignazio. Nel 1773 l’ordine viene soppresso e subentrano i preti Lazzaristi, fino al 1812 quando la chiesa ritorna ad essere parrocchia di Sant’Andrea Apostolo.
La piazza Sisto IV invece, detta Piazza del Municipio o del Comune, durante il periodo della seconda guerra mondiale, fu, per poco tempo, piazza d’Agostino. Tornò piazza Sisto IV con la delibera del Consiglio Comunale del 2 luglio 1945.


Nelle vicinanze, a via Manzoni, troverete il Duomo dell’Assunta e la Cappella Sistina:
Nel 1528 Savona si era arresa alle truppe genovesi e negli anni immediatamente successivi, i genovesi costruirono una imponente fortezza su tale sito, demolendo sistematicamente tutti gli antichi edifici compresa la cattedrale del IX secolo, dapprima sconsacrata e poi definitivamente distrutta nel 1595. Per tali ragioni nel 1559 papa Paolo IV eresse a cattedrale la chiesa di San Francesco il cui chiostro esiste ancora sul lato sinistro dell’attuale duomo, terminato nel 1605.
La Cappella Sistina invece, fu fatta erigere da papa Sisto IV, lo stesso papa che commissionò la Cappella Sistina di Roma. Era la cappella funeraria dedicata ad accogliere il mausoleo dei genitori di Sisto IV e fu completamente rinnovata in stile Roccocò.

Duomo dell’Assunta

Il centro storico è sede di negozi ed altre importanti attrazioni come la Piazza del Brandale con la sua Torre omonima e vari importanti musei come  il museo archeologico e il Polo Museale Renata Cuneo e Sandro Pertini.
In dettaglio, la Torre del Brandale, chiamata dai savonesi A Campanassa, è situata nell’omonima piazza insieme alle due torri medioevali Corsi e Guarnieri. La Torre è alta 49,60 metri. In origini l’altezza era più rilevante, ma fu dimezzata dai genovesi nel 1544. La Torre è decorata con maioliche: al primo cornicione sono rappresentati i dodici stemmi delle Signorie savonesi, più in alto invece fa mostra di se il pannello che raffigura Nostra Signora di Misericordia, opera commissionata a Giacomo Raimondi.


Ultimo ma non meno importante, il Lungomare di Savona e la relativa spiaggia libera o attrezzata per una passeggiata in tranquillità o sosta di relax.

Cosa mangiare a Savona? Ecco i cibi tipici da non perdere:
1) Ravioli ripieni di erbette, di castagne o funghi al ragù di coniglio.
2) Le piccagge: fettuccine al pesto
3) Zemin: Minestra di ceci e fagioli
4) Bardenulla: polenta bianca con sugo, funghi e panna
5) Buridda: Zuppa di stoccafisso
6) Alici ripiene
7) Amaretti di Sassello

Amaretti di Sassello