Abbiamo raccolto informazioni, interviste, dichiarazione nel mondo delle crociere per poter capire in che modo cambierà l’organizzazione delle crociere in tempi di CoronaVirus.

Sembrerà strano ma le crociere attualmente sono le strutture turistico-ricettive meglio organizzate per poter fronteggiare le nuove disposizioni igienico-sanitario e di distanziamento sociale. Vediamo il perchè.

Nell’attesa che tutto ritorni alla normalità, magari con un vaccino che sembra non essere lontano dall’uscita, vediamo passo passo come si stanno organizzando le compagnie da crociera per sopperire al mantra che ci accompagnerà per i prossimi mesi e cioè il “distanziamento sociale” e come evitare assembramenti.

Riduzione dei passeggeri imbarcati Il caos, le file, la confusione sono cose che sicuramente non piacciono a nessuno, quindi una riduzione dei passeggeri è sicuramente una bella notizia, forse un pò meno per le compagnie, che probabilmente porterà ad un lieve aumento dei prezzi. Anche se le compagnie da crociera, che non stanno vivendo un bel momento, potrebbero decidere comunque di mantenere i prezzi bassi pur di non perdere clienti perché sanno che è per un tempo limitato.

Imbarco scaglionato Sui documenti di viaggio sarà indicato l’orario preciso per presentarsi all’imbarco, così da evitare code e assembramenti. Durante l’imbarco sarà misurata la temperatura corporea (con dispositivi di misurazione collettiva), si dovrà compilare il modulo sanitario e probabilmente gli over 70 dovranno essere muniti di certificato di idoneità medica

Igiene a brodo Sarà predisposto personale aggiuntivo dedicato ad igienizzare con maggior frequenza le aree comuni come gli ascensori, i bagni, ristoranti, ecc che saranno igienizzati ogni 3 /4 ore. Tutte le porte (tipo quelle dei bagni) saranno con apertura automatica per evitare l’uso delle maniglie. Anche per le cabine le pulizie saranno più frequenti e verranno utilizzati prodotti specifici, sopratutto la pulizia finale del cambio ospiti sarà di tipo ospedaliero.

Ristorazione Sia i buffet che le sale ristorante saranno organizzate in modo da evitare che l’ospite possa entrare a contatto con il cibo, i buffet avranno vetri protetti e le pietanze saranno servite dal personale, come già avviene sulla bellissima Costa Smeralda. Molto probabilmente tutti i ristoranti, compreso il buffet, avranno il servizio al tavolo. Si farà sempre più ricorso alla tecnologia con l’uso dell’App di bordo si potrà prenotare il ristorante, il menu, ecc. Anche la disposizione dei tavoli sarà riorganizzata per garantire il distanziamento sociale. Saranno potenziati i turni di pulizia in tutte le aree ristorazione.

Aria condizionata. Non ci sarà più il riciclo dell’area nelle cabine e nelle aree comuni, dove verrà canalizzata aria esterna pulita. I filtri saranno cambiati con maggiore frequenza. Chiaramente le cabine invendute, per evitare il riempimento della nave, saranno quelle interne. E’ probabile che ci saranno offerte per l’acquisto delle cabine con balcone.

Assistenza medica a bordo sarà potenziata come numero di medici e infermieri, come dimensioni dell’area dedicata e apparecchiature mediche (compresi ventilatori). Il livello di assistenza medica sarà paragonabile a quello ospedaliero di primo livello. Migliorerà anche il protocollo per la gestione e lo sbarco dei pazienti gravi.